SIGEP LOGISTICS
DATA SHEET - SCHEDA TECNICA
Warehouse Management System

Logistics

SCHEMA GENERALE


Gestione anagrafiche

  • Divisioni
  • Articoli
  • Fornitori
  • Operatori di magazzino RF
  • Magazzino
  • Ubicazioni in mappa
  • Corsie di magazzino
  • Aree di magazzino


Gestione entrata merci

  • Attività documentale 1
  • Attività con palmare
  • Attività documentale 2
  • Resi da destinatario


Gestione stoccaggi e scorte

  • Logiche di stoccaggio
  • Spostamenti scorte
  • Attività sulle scorte


Gestione uscita merci

  • Ordini di spedizione
  • Logiche di prelievo
  • Prelievo della merce
  • Prelievo per destinatario
  • Prelievo per articolo
  • Funzione radio cargo
  • Stampa DDT
  • Resi a fornitore
  • Prelievo della merce con tecnologia vocale


Statistiche e modelli previsionali

  • Hyper Cube


Scambio dati tra gestionali

  • Integrazione con qualsiasi gestionale


Sistemi di automazione

  • Integrazione con qualsiasi sistema di automazione


Tecnologie RFId

  • Integrazione con transponder a radiofrequenza


Particolarità

  • Funzione inventario di magazzino
  • Inventario complete di magazzino
  • Inventari a campione
  • Tracciabilità della merce
  • Gestione cauzioni
  • Gestione radiofrequenza
  • Utilizzo radiofrequenza e barcode

ENTRATA MERCE: PERSONALIZZAZIONE MAPPA E ANAGRAFICHE

DIVISIONI

La divisione logistica o cliente depositante (definizione tipica del mondo della logistica c/terzi) è la prima informazione che va caricata a sistema. La corretta impostazione di questo anagrafico è la base per la corretta gestione delle merci a magazzino.
Tramite il codice meccanografico cliente (legato all’anagrafico divisione) è possibile parametrare l’intero set di algoritmi e stampe del sistema logistico.

ARTICOLI

L’anagrafico degli articoli comprende tutta quella serie di informazioni che permettono di gestire correttamente il materiale. Più sono accurate e precise le informazioni e più ottimizzati possono essere gli algoritmi di gestione.
Dalla gestione anagrafica articoli si può accedere a tutte le informazioni anagrafiche e logistiche.
Oltre ai classici dati logistici il sistema è in grado di gestire:

  • Distinte base
  • Informazioni specifiche per magazzino (baricentri, logiche di stoccaggio, ecc,)
  • Informazioni nutrizionali
  • Descrizioni alternative ed in lingua
  • Barcode e codici alternativi
  • Informazioni specifiche per destinatario
  • Informazioni articolo/fornitore
  • Ecc…
SPOSTAMENTI SCORTE

L’anagrafico dei fornitori è utilizzato per l’identificazione degli avvisi di carico.
I dati dei fornitori sono principalmente anagrafici e logistici.
Tramite il codice meccanografico fornitore è possibile definire i livelli di controllo qualità, la gestione degli stralci ordine, ecc.

OPERATORI DI MAGAZZINO RF

Ogni utilizzatore di Sigep è codificato in un apposito anagrafico protetto da password.
Un apposito sistema di regole permette di condizionare sia le funzioni attive per l’operatore sia le attività abilitate in ogni funzione. In questo modo solo chi è autorizzato può fare le operazioni più delicate e ogni operazione è attribuita ad un operatore.
Gli operatori possono essere raggruppati in classi di merito, le quali condizionano ad esempio l’assegnazione delle missioni di prelievo.

MAGAZZINO

L’anagrafico magazzini identifica le regole base di gestione della merce al suo interno, nonché la relazione con gli anagrafici per eventuali documenti di trasporto e/o trasferimenti automatici. Troviamo ad esempio:

  • Luogo di partenza
  • Destinatario merci collegato
  • Fornitore collegato
  • Abilitazioni sulle gestioni WiFi
  • Ecc…

Una particolare sezione di parametri del magazzino è dedicata alla generazione delle liste di prelievo.
È possibile indicare ad esempio i tipi di spezzamenti e di raggruppamenti.
Questi parametri condizionano anche i reintegri automatici e il tipo di gestione delle prese e delle scorte.

MAPPA DI MAGAZZINO

La corretta gestione degli spazi è fatta disegnando la mappa fisica del magazzino.
Sigep permette di codificare la mappa in tre dimensioni:

  • Corsie
    Sono ad esempio i corridoi al centro di due scaffali o i corselli a terra.
  • Colonne
    Sono i posti ai lati della corsia
  • Piani
    Sono la suddivisione in verticale dei posti
UBICAZIONI IN MAPPA

L’anagrafico delle ubicazioni di magazzino compone l’intera codifica della mappa.
Ogni ubicazione (identificata dalla combinazione di corsia/colonna/piano) contiene tutte le informazioni logistiche per la gestione dei materiali:

  • Tipologia (prese, scorte, lavorazione, uscita merci, ecc)
  • Dimensioni (Modulo pallet)
  • Limiti di portata (peso e numero pallet)
  • Sequenze picking e scorta
  • Area di magazzino (vedi paragrafo successivo)
CORSIE DI MAGAZZINO

L’anagrafico corsia contiene le informazioni:

  • anagrafiche,
  • le sequenze di ricerca stoccaggio,
  • le sequenze e l’ordinamento di prelievo.
AREE DI MAGAZZINO

L’insieme delle ubicazioni può essere suddiviso in aree.
L’area di magazzino può ad esempio suddividere le missioni di prelievo, condizionare gli stoccaggi della merce, ecc…

ENTRATA MERCE

Il ricevimento merci consiste nel riconoscimento quantitativo e qualitativo dei prodotti a magazzino.
Sigep consente di effettuare questa operazione con diverse metodologie che vanno dalla rilevazione dei dati ddt del fornitore a video alla rilevazione con palmare delle composizioni degli imballi con relativi lotti e scadenze.

ATTIVITÀ DOCUMENTALE 1

La prima fase del ricevimento di solito consiste nell’inserimento dei dati contenuti nel DdT. Il sistema confronterà i dati dell’ordine, con i dati del DdT e con i dati rilevati fisicamente dagli operatori di magazzino. Dopo l’inserimento dei dati può essere prodotto il buono di entrata merci (BEM) che è d’aiuto all’operatore di magazzino per completare il ricevimento col palmare.

ATTIVITÀ CON PALMARE

Il ricevimento merci prosegue con l’etichettatura degli UdP rilevando tutti i dati significativi per la gestione successiva della merce:

  • Quantità
  • Lotto
  • Scadenza
  • Dimensioni
  • Matricole
  • Ecc…

Il ricevimento con palmare si completa rilevando le non conformità in entrata merci.

ATTIVITÀ DOCUMENTALE 2

L’attività di entrata merci si conclude con i controlli effettuati dall’operatore d’ufficio sulle attività fatte con palmare. I controlli servono ad individuare possibili errori effettuati in fase di controllo dal magazzino oppure trovare difformità tra quanto in ddt e quanto ricevuto fisicamente.

RESI DA DESTINATARIO

I resi da destinatario essendo un ingresso di merce a magazzino vengono gestiti dal sistema Sigep come un entrata merci generica parametrizzando le dovute causali di carico della merce.

STOCCAGGIO E GESTIONE EVENTI

LOGICHE DI STOCCAGGIO

La merce accettata è pronta per essere spostata dall’area di banchina e stoccata presso le posizioni di scorta.
Sigep è dotato di una serie completa di algoritmi di stoccaggio e prelievo che possono essere collegati ad ogni articolo/magazzino in funzione del tipo gestione scorte.
Di seguito un elenco delle principali algoritmi di stoccaggio:
Stoccaggio a presa fissa senza scorte

  • Stoccaggio a presa fissa con scorte secondo le regole del modulo pallet, area di magazzino e sequenze anagrafiche
  • Stoccaggio a presa variabile multipla con reintegri automatici
  • Ricerca stoccaggio a riempimento delle prese (cassettiere, rulliere, ecc.)
  • Stoccaggio drive-in massivo
  • Stoccaggio bulk a terra
  • Stoccaggio in sistemi automatizzati (magazzini automatici, robotizzati, ecc.)

Per una corretta e precisa gestione delle giacenze, tutto ciò che viene fisicamente fatto in magazzino deve essere riportato a sistema.
Per questo motivo Sigep Logistics ha una serie di funzioni anche su palmare per poter gestire ogni operazione in tempo reale.

FORNITORI

Tramite la funzione apposita “radio scorte” è possibile fare in tempo reale con i palmari tutte le operazioni che riguardano lo spostamento fisico della merce, cioè il cambio di posizione. Queste operazioni possono essere anche guidate dal sistema prevedendo ad esempio il rifornimento preventivo delle prese dalle scorte.
Si dividono in tre categorie (con relative statistiche separate):

  • RIPRISTINI o REINTEGRI
  • STOCCAGGIO (merce appena arrivata a magazzino)
  • MOVIMENTO/SPOSTAMENTO (merce già presente a magazzino)
ATTIVITÀ SULLE SCORTE

Tramite una serie di anagrafiche e parametrizzazioni  è possibile operare dei movimenti di magazzino direttamente con i palmari, utilizzando il ticket pallet.
Con l’apposita applicazione Wi-Fi, leggendo appunto il ticket pallet, è possibile fare tutte le operazioni di magazzino:

  • Rettifiche negative e positive
  • Trasferimenti di magazzino
  • Cambio articolo

L’elenco delle attività è organizzato in causali che possono essere abilitate per la combinazione operatore/magazzino mediante l’utilizzo della tabella operatori (rf).

FUNZIONE INVENTARIO DI MAGAZZINO

 L’obbiettivo di SIGEP Logistics è quello di mantenere sempre allineate in tempo reale le giacenze dei prodotti a magazzino.
La giacenza di ogni articolo è archiviata come Giacenza Contabile (somma algebrica dei movimenti di magazzino) e Giacenza Fisica (suddivisione della merce nelle varie ubicazioni/scaffali).

INVENTARIO COMPLETO DI MAGAZZINO
  • Azzeramento di tutte le unità di prodotto (UdP) relative all’area da inventariare;
    Viene fatta una fotografia della situazione pre-inventario che verrà poi utilizzata per i confronti e i report.
  • Rilevazione delle giacenze fisiche delle unità di prodotto. In funzione degli strumenti e delle parametrizzazioni della divisione logistica, questa attività si può limitare alla sola lettura dei ticket pallet, o alla certificazione completa di tutti i dati degli UdP (lotti, scadenza, ecc.)
  • Contabilizzazione delle differenze
    Vengono generate tutte le movimentazioni per allineare la giacenza fisica appena rilevata con la relativa giacenza contabile, generando i necessari movimenti di magazzino.
INVENTARI A CAMPIONE

Durante la nomale attività di magazzino è possibile rilevare e contabilizzare le differenze delle singole ubicazioni di magazzino utilizzando la gestione inventario radio frequenza oppure registrando le movimentazioni direttamente da interattivo.

GENERAZIONE DELLE LISTE DI PRELIEVO

L’uscita della merce consiste nell’approntamento delle spedizioni a fronte di ordini di consegna, trasferimenti interni, resi a fornitore, ecc.
Sigep Logistics è in grado di organizzare l’insieme di queste attività ed indirizzarle alle rispettive aree di competenza. Ad esempio i resi fornitore seguiranno strade diverse rispetto agli ordini clienti. Il tutto è orchestrato dal centro di controllo viaggi denominato GESTIONE VIAGGI E FASI.

ORDINI DI SPEDIZIONE

Gli ordini di spedizione possono nascere su Sigep con diverse modalità:

  • Interfaccia da sistema ospite
  • Raccolta Ordini da Forza Vendite
  • Gestioni interne SIGEP (trasferimenti di magazzino, rifornimenti interni, ecc.)
  • Resi a Fornitore

Già in questa fase possono essere attivate procedure automatiche di formazione colli, valorizzazione di ordini, suddivisione in sotto-liste i prelievo, ecc.

LOGICHE DI PRELIEVO

Sigep Logistics è in grado di gestire molteplici logiche di prelievo come per esempio: 

  • Prelievo a presa fissa
  • Prelievo a prese multiple
  • Prelievo a prese fissa con puntamento in scorta per quantità intere
  • Prelievo a prese dinamiche (non esiste scorta)
  • Prelievo da scorta con logiche FIFO, FEFO.
  • Prelievo a svuotamento (cassettiere/rulliere) (riduce posizioni occupate)
  • Prelievo a massima quantità per ubicazione (minimizza prelievi)
  • Prelievi massivi drive-in
  • Prelievo in sistemi automatizzati
PRELIEVO DELLA MERCE

Il prelievo fisico della merce può avvenire secondo diverse tipologie. Ogni ordine può essere indirizzato in tutto o in parte ad un tipo di prelievo o ad un altro in funzione delle regole inserite nel sistema.
Il sistema organizza il prelievo in funzione delle regole legate al magazzino, all’area di magazzino, alla corsia, ecc.

Una volta generate le liste di prelievo le righe al suo interno vengono ordinate secondo la sequenza di prelievo stabilita dalle parametrizzazioni (percorso di prelievo).
Il sistema di certificazione del corretto prelievo varia in funzione dello strumento tecnico con cui viene fatta l’operazione, può essere un check digit per le operazioni vocali (Sigep picking voice), la lettura del barcode della presa (es. etichetta su scaffalatura), la lettura del ticket pallet.
Il sistema verificherà:

  • la corretta posizione,
  • la sequenza fefo,
  • le regole di  data scadenza,
  • le quantità in giacenza,
  • ecc…
PRELIEVO PER DESTINATARIO

È il prelievo di una lista alla volta per destinatario.
Il sistema assegna la lista opportuna all’operatore in funzione delle priorità di trasporto, alla classe di merito dell’operatore, alla pianificazione delle attività di magazzino, ecc.
Al termine del prelievo viene stampata una etichetta segnacollo per ogni unità di spedizione.
Le unità di spedizione vengono create al termine del prelievo o durante lo stesso a discrezione dell’operatore.

PRELIEVO PER ARTICOLO

Il prelievo per articolo consiste nell’approntare una zona di magazzino con un supporto (roll, pallet, cassa) per ogni cliente da spedire. Una volta processati gli ordini e create le liste il sistema stampa uno o più ticket per ogni cliente in funzione delle regole e dei volumi.

L’operatore prende un articolo e, guidato dal sistema, deposita su ogni supporto le quantità ordinate di quel cliente fino all’esaurimento dell’ordine o del pallet.
Questa tecnica è particolarmente utilizzata nelle merceologie ad altissima rotazione (carne, pesce, ortofrutta), quando cioè la consegna della merce avviene durante il prelievo, il che renderebbe poco efficiente il prelievo per cliente.

TECNOLOGIA VOCALE PER IL PRELIEVO MERCE

PRELIEVO DELLA MERCE CON TECNOLOGIA VOCALE

Come precedentemente descritto nel paragrafo dedicato al prelievo della merce, ogni ordine può essere indirizzato in tutto o in parte ad un tipo di prelievo o ad un altro in funzione delle regole inserite nel sistema.

Il prelievo può avvenire utilizzando la tecnologia vocale.

I terminali vocali ricevono i dati direttamente dal WMS e li traducono in comandi vocali, che giungono all’addetto del picking. Le risposte degli operatori vengono convertite in forma digitale ed inviate al sistema, in tempo reale. Gli operatori possono ricevere istruzioni, confermare la correttezza del proprio lavoro, segnalare errori, parlando e ascoltando il WMS tramite una cuffia e un microfono.

Il prelievo degli ordini avviene a mani e occhi liberi, senza lista di prelievo o etichette, senza terminale portatile o da carrello.

GESTIONE TRANSIT POINT E BANCHINA

FUNZIONE RADIO CARGO

Sigep è munito di un sistema di controllo pre carico merce.
Mediante l’utilizzo di funzione radio frequenza dedicata l’operatore addetto al carico effettua un check di tutte le unità di movimentazione da caricare sul mezzo dedicato alla spedizione della merce.

Lo strumento radio cargo serve principalmente a verificare:

  • l’appartenenza della merce fisica a un dato viaggio di spedizione
  • l’assenza di merce prevista al carico
  • la presenza di merce errata, quindi non da caricare.
STAMPA D.D.T.

Una volta approntata presso la banchina d’uscita la merce da spedire a destinatario è possibile stampare il documento di trasporto utilizzando Sigep.
Sigep è un software di gestione logistica e non include tutte le logiche di fatturazione inerenti prezzi, scontistiche e gestione iva.

RESI A FORNITORE

I resi di merce a fornitore vengono gestiti nel sistema Sigep ripercorrendo il flusso logistico di un’uscita a destinatario parametrizzando le tipologie di movimentazioni d’uscita.

BUSINESS INTELLIGENCE

HYPER CUBE

SIGEP LOGISTICS include il modulo Hypercube, una piccola BI per l’analisi e l’elaborazione dei dati operativi di magazzino. Tutti i dati aziendali sono disponibili sul web.
Con una interfaccia utente semplice e intuitiva SIGEP HyperCube integra la suite Pentaho®, le analisi OLAP Saiku® e i report JasperReport® fornendo una solida base di partenza per tutte le reportistiche aziendali.
Il sistema statistico è basato su interfaccia WEB, quindi accessibile da ogni dispositivo connesso a internet dotato di WEB browser.
Tutti gli strumenti di analisi sono organizzati in cartelle e possono essere gestiti direttamente dagli utenti.
Gli strumenti base, forniti insieme al pacchetto, possono essere modificati e salvati da ogni singolo utente in cartelle personali.
Ogni utente potrà accedere solo alle cartelle e ai dati a lui dedicati.
Le basi dati generate dal sistema possono essere interrogate semplicemente trascinando i campi di interesse sulle colonne o sulle righe della matrice: una funzione facile ed intuitiva per analizzare matrici multidimensionali (OLAP).
I risultati dell’analisi possono essere facilmente esportati in vari formati (PDF, XLS, TXT, ecc.).

DATA INTERCHANGE: INTEGRAZIONE CON QUALSIASI GESTIONALE

INTEGRAZIONE CON QUALSIASI GESTIONALE

SIGEP Logistics è progettato per poter scambiare i dati con diversi applicativi e gestire l’importazione e l’esportazione di tutti quei flussi di informazioni necessari al funzionamento del sistema, rendendolo integrabile con qualsiasi sistema amministrativo e contabile.

L’Electronic Data Interchange (EDI) è l’interscambio di dati tra sistemi informativi, attraverso un canale dedicato e in un formato definito in modo da non richiedere intervento umano, salvo in casi eccezionali.
Il sistema Sigep è interfacciato con molteplici software ERP.

AUTOMATION CONTROL

INTEGRAZIONE CON QUALSIASI SISTEMA DI AUTOMAZIONE

La moderna logistica si avvale di attrezzature automatiche a supporto delle attività di movimentazione.

Quando si parla di magazzino automatico, ci si riferisce al complesso di quegli impianti e strumenti tecnologici che sono destinati a rendere i processi di stoccaggio, picking, carico e scarico merci, completamente automatizzatati.
In questa tipologia di magazzino, si avranno delle scaffalature industriali robotizzate, che vengono controllate attraverso un software che gestisce le fasi di immagazzinamento.

Soluzioni abbastanza diffuse nei magazzini e che generalmente possono incrementare, se ben implementati, la produttività del picking, sono i magazzini verticali e i sistemi di pick/put to light, in quanto aiutano, gli operatori nell’attività di prelievo e di composizione dell’ordine finale, anche visivamente.

SIGEP Logistics garantisce il collegamento e il controllo diretto e in tempo reale sulle attrezzature logistiche: linee di movimentazione, di pesatura, di etichettatura, di imballaggio, sistemi di light picking e sorting, sistemi di carico e scarico.

TECNOLOGIA RFID RADIO FREQUENCY IDENTIFICATION

INTEGRAZIONE CON TRANSPONDER A RADIOFREQUENZA

La tecnologia RFId sta diventando sempre di più un prezioso alleato tecnologico per le aziende contemporanee. Questo è dovuto all’estrema versatilità dell’identificazione in radiofrequenze (RFId) che ben si adatta ad applicazioni diverse in vari settori economico-commerciali e, soprattutto, ad una raggiunta maturità di questa tecnologia che oggi si presenta come altamente stabile e affidabile.

Questa tecnologia permette di realizzare transponder a radiofrequenza sottili come un’etichetta (‘tag‘), che estendono enormemente le capacità di controllo e di tracciamento di merci all’interno di una catena produttiva o logistica.

La tecnologia RFId offre uno spettro di applicazioni pratiche molto ampio, che tocca tutti gli ambienti e i settori operativi, dalla logistica alla produzione, passando per il retail e la GDO. Le principali finalità della tecnologia RFID sono quelle di ricerca, identificazione, localizzazione spaziale e tracciamento movimenti.

SIGEP Logistics garantisce l’inclusione della tecnologia RFId per il controllo logistico della merce, dall’entrata all’uscita di magazzino.

WI-FI WIRELESS

TRACCIABILITÀ DELLA MERCE

Specialmente nel mondo alimentare, ma anche nel farmaceutico e nella cosmetica, è necessario sapere esattamente la composizione dei lotti e la tracciabilità degli stessi.
Ogni operazione fatta dalla logistica Sigep, alimenta un archivio di tracciabilità che permette al sistema di estrarre la tracciabilità diretta ed inversa di ogni materiale/lotto.

GESTIONE CAUZIONI

Ogni movimentazione di magazzino, sia in ingresso che in uscita, può alimentare la gestione dell’estratto conto cauzioni.
Le cauzioni sono di fatto tutti quei materiali di supporto che vengono utilizzati per il trasporto o la preparazione delle merci e che non sono considerati a perdere, quindi è necessaria la restituzione al fornitore o se ne richiede la restituzione dal destinatario.
Sigep gestisce tutte le fasi della movimentazione comprese quelle effettuate tramite i terzisti o i vettori.
Esistono quindi quattro livelli di estratto conto:

  • Divisione logistica (o cliente intestatario)
  • Fornitore di magazzino
  • Destinatario merci
  • Vettore

Ogni movimento di magazzino può alimentare uno o più di questi estratti conto.

GESTIONE RADIOFREQUENZA

Il sistema Sigep Logistics è interfacciabile con palmari radiofrequenza.
Le funzioni radio standard presenti nel sistema sono le seguenti:

  • Radio rime standard (entrata merci)
  • Radio scorte standard
  • Radio picking standard
  • Radio inventario standard
  • Radio cargo standard (carico mezzi)
UTILIZZO RADIOFREQUENZA E BARCODE

Sigep è disegnato per la lettura di molteplici codici a barre.
Tuttavia, per il settore della logistica alimentare, il sistema è configurato per la lettura dell’etichetta logistica INDICOD GS1 128 (ex EAN128).
Il pacchetto in configurazione standard è progettato per gestire i prodotti con etichette che seguono lo standard internazionale.

Richiedi la scheda tecnica di SIGEP Logistics

Chi ci ha scelto come soluzione nella logistica

  • CAMST
  • C&G SERVICE
  • EUROSPIN
  • GASTRONOMIA ITALIANA
  • GRANI & PARTNERS
  • GRUPPO BORGHI
  • INDUSTRIES
  • QUARTIGLIA FOOD SERVICE
  • ROL LOGISTICS
  • SHOP

RICHIEDI INFORMAZIONI

Se desideri ulteriori informazioni sul nostro software SIGEP LOGISTICS
contattaci compilando il form sottostante.